Lotteria abbinata al gioco del Lotto

Vuoi fare una lotteria amatoriale senza avere l’impegno dell’estrazione dei biglietti vincenti e senza generare discussioni e mugugni sul metodo di estrazione adottato?
Allora associa la tua lotteria all’estrazione del Lotto. Come? Vedi la mia idea:

Ipotizziamo di voler ideare una lotteria avente 1620 biglietti (analogamente si può fare con un numero inferiore o superiore di biglietti, ma…); con tre premi (I premio, II e III), analogamente si può procedre con 5 premi.
Ogni biglietto della Lotteria sarà contraddistinto da un Numero di Serie e da un Numero di Biglietto. Allora decidiamo che:

  • l primo premio sarà vinto dal biglietto avente per Numero di Serie il primo estratto su Bari e per Numero di biglietto il primo estratto su Cagliari;
  • il secondo premio sarà vinto dal biglietto Numero di Serie  il primo estratto su Firenze e per Numero di biglietto il primo estratto su Genova;
  • il terzo premio sarà vinto dal biglietto Numero di Serie  il primo estratto su Milano e per Numero di biglietto il primo estratto su Napoli

Quindi suddividi i 90 numeri, estratti per ogni ruota, in 18 gruppi di 5, cioè stampa 18 serie di biglietti; ogni serie sarà composta da 90 numeri da 1 a 90

NOTA
Non ti preoccupare del fatto che hai 18 numeri di serie e 90 numeri estraibili su ogni ruota, in quanto, al momento di stampare le 18 serie di biglietti i 90 numeri li dividi in gruppi di 5, uno qualsiasi appartenente al gruppo individuerà univocamente la serie.
Ad esempio, potrai suddividerli così:

Serie 1 identificata dai numeri {1, 19, 37, 53, 73}, ,
Serie 2 identificata dai numeri {2, 20, 38, 54, 74},

Serie 18 identificata dai numeri {18, 36, 54, 72, 90}

Tutto chiaro?
Utilizza questa tipologia di estrazione per la tua lotteria gratuitamente e stampa sui biglietti la dicitura: “Estrazione ideata da Giulio D. Broccoli, www.matematicus.com”  

Pubblicata in Spagna                                                                                                                                                                                                                                                                             

Precedente Test di intelligenza? No, grazie! Successivo Il limite dei matematici e qualche strana osservazione